MEDITAZIONE

Giorni e orari da definire.


Il concetto di meditazione racchiude in sé il semplice principio di stato integrato naturale dell'essere umano.
E' uno stato dove il concetto di separazione non ha più motivo di esistere.

Per prima cosa è importante distinguere il senso diverso che viene dato a questa parola.
In Occidente, la parola meditare significa "ci penso su", "rifletto su " e indica un'attività mentale, logica, razionale.
La visione orientale, invece comprende molte cose:
  • Meditazione come scelta di fermarsi e ascoltarsi attraverso posizioni statiche che permettano il corretto fluire energetico delle nostre energie vitali per sostenere il risveglio della consapevolezza di "chi siamo veramente".
  • Meditazione come luogo di addestramento delle capacità di concentrazione, cioè focalizzare volontariamente, costantemente e a lungo la mente su un oggetto (es. la bellezza)
  • Meditazione come luogo di addestramento della capacità di contemplazione, cioè rimanere coscientemente in un campo specifico in una condizione mentale "allargata (es. la bellezza di una cosa)
  • Meditazione come capacità di attenzione mantenuta nel tempo senza intenzione e sforzo di qualsiasi natura (es. la bellezza)
  • Meditazione come momento di comunione con il Divino
In Oriente, parole diverse stanno ad indicare gli stati dell'Essere indicati sopra: DHARANA, DHYANA, SAMADHI; esperienze che si aprono e ci aprono a scoperte infinite in noi e di noi.
La cosa importante è che la MEDITAZIONE sia lo scrigno che racchiuda tutto questo.

Nella meditazione ti osservi, ti dai un'occhiata da vicino e vedi la tua energia repressa da tempo immemore in dinamiche di bisogno, dolore, colpa, vergogna, paura, conflitti, che hanno generato "mostri" e pensieri pesanti; se stai neutro e sereno in compagnia di ciò che emerge, comincia una storia d'Amore senza fine con il SE', quella parte di te che ha sperimentato molte vite e ha scoperto che la grande consapevolezza è "il fatto di esistere".

A questi effetti che riguardano la relazione che abbiamo con noi stessi e con gli altri, si aggiungono gli elevati effetti terapeutici della meditazione, avvallati sempre più, oltre che dalle esperienze millenarie di maestri e monaci, dalle ricerche di laboratori e scienziati.
Con una meditazione costante, la salute viene avvantaggiata grandemente: migliorano ansia, depressione, malattie cardiache, cancri, dolore fisico, memoria, concentrazione, equilibrio mentale, creatività, produttività, capacità decisionali; aumenta vitalità, benessere, felicità, positività; diminuiscono i livelli di stress, dipendenze e confusioni.